Angela Nadia Centorbi

Docente a contratto di Letteratura tedesca [L-LIN/13]
Email: nadia.centorbi@unict.it nadia.centorbi@hotmail.it
Orario di ricevimento: Giovedì dalle 10:30 alle 11:30 | Venerdì dalle 10:30 alle 11:30 c/o ex Distretto militare - Ricevimento I semestre dal 15/11/2018


Nadia Centorbi (1980) è dottore di ricerca in Germanistica. Dopo la laurea in lettere classiche presso l’Università di Catania (2005) e un soggiorno di studio e di ricerca post lauream presso l’Università di Heidelberg, ha conseguito il dottorato di ricerca in Letterature moderne e studi filologico-linguistici presso l’Università di Palermo (2011) con una dissertazione concentrata sul motivo dell’androginia e dell’ermafroditismo nella letteratura tedesca del Settecento. Dopo il conseguimento del dottorato ha svolto diversi soggiorni di studio e di ricerca presso l’Università di Freiburg im Breisgau (borsa di studio DAAD, 2011) e presso il Deutsches Literaturarchiv di Marbach am Neckar (borsa di studio del DLA-Marbach, 2013-2014). È stata docente a contratto di Letteratura tedesca presso la SDS di Ragusa nel 2012 e nel 2017 e assegnista di ricerca presso l’Università di Salerno dal 2015 al 2017. Attualmente è docente a contratto di Letteratura tedesca (L-LIN/13) presso la Struttura didattica speciale di Lingue e Letterature straniere di Ragusa e di Lingua e Linguistica tedesca presso l’Università di Messina.

Nadia Centorbi (1980) è dottore di ricerca in Germanistica. Dopo la laurea in lettere classiche presso l’Università di Catania (2005) e un soggiorno di studio e di ricerca post lauream presso l’Università di Heidelberg, ha conseguito il dottorato di ricerca in Letterature moderne e studi filologico-linguistici presso l’Università di Palermo (2011) con una dissertazione concentrata sul motivo dell’androginia e dell’ermafroditismo nella letteratura tedesca del Settecento. Dopo il conseguimento del dottorato ha svolto diversi soggiorni di studio e di ricerca presso l’Università di Freiburg im Breisgau (borsa di studio DAAD, 2011) e presso il Deutsches Literaturarchiv di Marbach am Neckar (borsa di studio del DLA-Marbach, 2013-2014). È stata docente a contratto di Letteratura tedesca presso la SDS di Ragusa nel 2012 e nel 2017 e assegnista di ricerca presso l’Università di Salerno dal 2015 al 2017. Attualmente è docente a contratto di Letteratura tedesca (L-LIN/13) presso la Struttura didattica speciale di Lingue e Letterature straniere di Ragusa e di Lingua e Linguistica tedesca presso l’Università di Messina.

Monografie

  • N. Centorbi (2018), Il cristallo nella lavina. Hans Sahl. Artemide, Roma. 250 pp. (ISBN  9788875753023)
  • N. Centorbi (2011), L’androginia nella letteratura tedesca da Winckelmann a Kleist. Artemide, Roma. 400 pp. (ISBN 9788875751388).
  • N. Centorbi (2009), La musa estranea. Gottfried Benn (1913-1945). Artemide, Roma. 160 pp. (ISBN 9788875751005). 

Curatele

  • Hans Sahl (2014), Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo. Poesie. Cura e traduzione di N. Centorbi. Del Vecchio Editore. Roma. 510 pp. (ISBN 9788861100923) 
  • M. Bonifazio, N. Centorbi, A. Schininà (2010), Tra denuncia e utopia. Impegno, critica e polemica nella letteratura tedesca moderna. Artemide, Roma. 300 pp. (ISBN 9788875751050).

Articoli su riviste e capitoli in volume

  • N. Centorbi (2018), Fiktionalität und Faktualität in anamnestischer Retrospektive: der Fall Hans Sahl. In: Literarische Inszenierungen von Geschichte. Formen der Erinnerung in der deutschsprachigen Literatur nach 1945 und 1989. Hrsg. von Carsten Gansel / Manuel Maldonado-Alemán:  Metzler: Stuttgart 2018, pp. 243-250. (ISBN 978-3-658-21670-2).
  • N. Centorbi (2016), "Es hat die Zeit mir meinen Reim entwendet". Insidie e compromessi della traduzione poetica: traducendo Hans Sahl. In: Sfaccettature della traduzione letteraria. A cura di Helena Aguilà Ruzola, Jutta Linder, Donatella Siviero. Artemide: Roma 2016, pp. 59-78. (ISBN 9788875752699).
  • N Centorbi (2016), “Rein bleiben und reif werden”. Der Wanderer zwischen beiden Welten di Walter Flex e la generazione immolata. In: “L’eccezionalità del presente”. Scrivere la Grande Guerra. A cura di Flora De Giovanni e Lucia Perrone Capano. Mimesis: Milano 2016, pp. 165-184. (ISBN 9788857536330).
  • N. Centorbi (2015), Ungehobene Schätze im Nachlass Hans Sahls. Die Briefe an Lotte Goslar. In: “Exil. Forschung. Erkenntnisse. Ergebnisse”, H. 1, 2015, pp. 4-22 (ISSN 0721-6742)
  • N. Centorbi (2014), “Mit der Antike, mit der Renaissance und dem Barock, und nicht mit Mussolini und der Gegenwart”. Riflessi dell’esilio italiano in Hilde Domin. In: Un luogo per spiriti più liberi. Italia, italiani ed esiliati tedeschi. A cura di M. Bonifazio e A. Schininà. Artemide: Roma 2014, pp. 65-92 (ISBN 9788875752170)
  • N. Centorbi (2014), Hans Sahl drammaturgo. In: “Studi Germanici”, 5, 2014, pp. 237-302 (ISSN 00392952)
  • N. Centorbi (2014), Hans Sahl, Dramatist. In: “Studi Germanici”, 5, 2014, pp. 361-426 (ISSN 00392952)
  • N. Centorbi (2014), Hans Sahl. I volti dell’esilio. In: “Poesia. Mensile Internazionale di Cultura poetica”, XXVII, N. 295, 2014, pp. 48-62, (ISSN 1123-4849)
  • N. Centorbi (2014), “Il cristallo nella lavina”. Hans Sahl poeta dell’esilio. In: Hans Sahl. Poesie. A cura di N. Centorbi. Del Vecchio: Roma, pp. 11-38. (ISBN 9788861100923)
  • N. Centorbi (2013), “Ich bin ein lebendes Memorial:” Lethe e Mnemosyne nella poesia di Hans Sahl. In: Dalla rimozione alla memoria ritrovata. La letteratura tedesca del Novecento tra esilio e migrazione. A cura di M. Cottone, G. Dolei, L. Perrone Capano. Artemide: Roma, pp. 95-116. (ISBN 9788875751746)
  • N. Centorbi (2012), Presupposti di una ricerca sulla produzione drammaturgica di Hans Sahl. In: BAIG (Bollettino dell’Associazione italiana di Germanistica), V, pp. 39-43. (ISSN 19741944)
  • N. Centorbi (2012), Martin Walser nell’ultimo decennio. In: “Belfagor”, 4, pp. 379-402. (ISSN 00058351)
  • N. Centorbi (2010), La lettera androgina: Karoline von Günderrode. In: La scrittura epistolare in Europa dal Medioevo ai nostri giorni. Generi, modelli, trasformazioni. A cura di M. Cottone, E. Chiavetta, Bonanno, Acireale, pp. 203-215. (ISBN 9788877966100)
  • N. Centorbi (2010), “Come un caduto cherubo”. Annemarie Schwarzenbach in esilio volontario. In: Tra denuncia e utopia. Impegno critica e polemica nella letteratura tedesca moderna. A cura di M. Bonifazio, N. Centorbi, A. Schininà, Artemide, Roma, pp. 59-77. (ISBN 9788875751050)
  • N. Centorbi (2009), “Die Sammlung”: la risposta paneuropea di Klaus Mann alla barbarie nazionalista. In: La scuola dell’esilio e della migrazione. Riviste e letteratura. A cura di A.M. Carpi, G. Dolei, L. Perrone Capano, Artemide, Roma, pp. 69-87. (ISBN 9788875751036)
  • N. Centorbi (2009), L’estraneità come patria e la patria come estraneità in Gottfried Benn. In: L’esperienza dell’esilio nel Novecento tedesco. A cura di  A. M. Carpi, G. Dolei, L. Perrone Capano, Artemide, Roma, pp. 103-116. (ISBN 9788875750695)
  • N. Centorbi (2009), «Mai più solo che in agosto». Estate e autunno nelle poesie di Gottfried Benn. In: “LC”  (Rivista online del dipartimento di Letterature e Culture europee dell’Università degli Studi di Palermo), 2, pp. 15-26. (ISSN 19749465)
  • N. Centorbi (2009), Schizofasia androginica nell’epistolografia romantica: Günderrode, Kleist, Brentano. In: “Le forme e la storia”, pp. 38-76. (ISSN 11212276)
  • N. Centorbi (2008), Gli esordi poetici di Gottfried Benn. In: “LC”  (Rivista online del dipartimento di Letterature e Culture europee dell’Università degli Studi di Palermo), 1, pp. 193-212. (ISSN 19749465)
  • N. Centorbi (2007), L’epistolario di Heinrich von Kleist. In: “Studia Theodisca”, XIV, pp. 37-54.  (ISSN 15932478)

Recensioni

  • N. Centorbi (2017), Emanuela Barasch-Rubinstein: Mephisto in the Third Reich. Literary representations of evil in Nazi Germany. Berlin [u. a.]: De Gruyter Oldenbourg; Jerusalem: Magnes, 2015. In: “Germanistik”, Jg. 58, 2017. (ISSN 00168912)
  • N. Centorbi (2017), Leif Weatherby: Transplanting the metaphysical organ. German romanticism between Leibniz and Marx. New York: Fordham University Press 2016. In: “Germanistik”, Jg. 58, 2017. (ISSN 00168912)
  • N. Centorbi (2017), Wolfgang Barthel: Kleist – DDR. Der kleinere deutsche Beitrag zur Kleist-Rezeption. Ein Verzeichnis 1949-1990. Mit Ergänzungen. 2., durchges. und erg. Aufl. Heilbronn: Kleist-Archiv Sembdner, 2016. 690, 32 S.; Ill. (Heilbronner Kleist-Bibliographien; 5). In: “Germanistik”, Jg. 58, 2017. (ISSN 00168912)
  • N. Centorbi (2017), Charlotte Kurbjuhn: Kontur. Geschichte einer ästhetischen Denkfigur. Berlin [u.a.]: De Gruyter, 2014. In: “Germanistik”, Jg. 58, 2017. (ISSN 00168912)
  • N. Centorbi (2016), Gerrit Brüning: Ungleiche Gleichgesinnte. Die Beziehung zwischen Goethe und Schiller 1794-1798. Göttingen, Wallstein 2015. In: „Germanistik“ H.1-2, 2016. (ISSN: 18659187)
  • N. Centorbi (2016), Giovane e dannata. Berlino dei bassifondi. Ernst Haffner: Fratelli di sangue. In: Il Manifesto, 03. 04. 2012.
  • N. Centorbi (2015), Geografia filosofica da Roth a Kundera: una monografia di Igor Fiatti. In: Il Manifesto, 2. 08. 2015.
  • N. Centorbi (2014), Annemarie Schwarzenbach, La notte è infinitamente vuota. Traduzione e cura di Tina D’Agostini, Il Saggiatore, Milano 2014. In: “L’Indice dei libri del mese” , 12, 2014 (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2014), L’istante teso della non-parola. Lettera su un altro continente di Hilde Domin. In: Il Manifesto, 2. 11. 2014.
  • N. Centorbi (2014), Klaus Mann, Mephisto. Roman einer Karriere. Text und Dokumentation. Hrsg. von Bodo Plachta. Berlin, De Gruyter, 2013 (Exempla Critica). In: „Germanistik“ H. 1 / 2, 2014. (ISSN: 18659187)
  • N. Centorbi (2013), Sibylle Lewitscharoff, Blumenberg, trad. it. di Paola Del Zoppo, Del Vecchio Editore, Roma 2013. In: “L’Indice dei libri del mese”, n. 11, p. 18. (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2012), R. Aurich und W. Jacobsen (Hg.), Hans Sahl. Filmkritiker, Edition Text+Kritik, München 2012. In: “Belfagor”, 67, n. 6, pp. 750-753. (ISSN 00058351)
  • N. Centorbi (2012), Hans Fallada, Nel mio paese straniero. Diario dal carcerce 1944. trad. it. di M. Rubino, Sellerio, Palermo 2012. In: “L’Indice dei libri del mese”, n. 10, p. 35. (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2011), Sophie Decock, Papierfähnchen auf einer imaginären Weltkarte. Mythische Topo- und Tempografien in den Asien- und Afrikaschriften Annemarie Schwarzenbach, Aisthesis: Bielefeld 2010. In „Germanistik“, Jg. 52, Heft 1/2, S. 361 (ISSN: 18659187)
  • N. Centorbi (2010), Albrecht Friedrich, Klaus Mann der Mittler. Studien aus vier Jahrzehnten, Peter Lang: Bern 2009. In: „Germanistik“, Jg. 51, Heft 1/2, S. 390 (ISSN 00168912)
  • N. Centorbi (2010), Al di là della morte di un critico. Recensione a Martin Walser, Leben und Schreiben. Tagebücher 1974-1978, Rowohlt: Hamburg 2010. In: “Belfagor”, 65, pp. 739-741. (ISSN 00058351)
  • N. Centorbi (2010), Martin Walser, Un uomo che ama, SugarCo: Milano 2009. In: “L’Indice dei libri del mese”, 27, 4, p. 22. (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2009), Friedrich Hebbel, Diari, a cura di L. Rega, con una prefazione di C. Magris, Diabasis: Reggio Emilia 2009. In: “L’Indice dei libri del mese”, 26, 9, p. 31.  (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2009), Julia Franck, Die Mittagsfrau, Fischer: Frankfurt a.M. 2007. In: “Belfagor”, 3, pp. 364-366. (ISSN 00058351)
  • N. Centorbi (2009), Rafik Schami, La voce della notte, Garzanti: Milano 2008. In: “L’Indice dei libri del mese”, 26, 3, p. 24.  (ISSN 03933903)
  • N. Centorbi (2008), Il sadismo della verità. “Am Hang” di Markus Werner. In:  Il cavallo di Cavalcanti. Semestrale di cultura narrativa e critica letteraria, nuova serie, anno 2, nr. 3, dicembre 2008, Azimut, Roma, pp. 45-48.  (ISBN 9788860030917)
  • N. Centorbi (2008), Martin Walser, Ein liebender Mann, Rowohlt: Hamburg 2008. In: “LC” (Rivista online del dipartimento di Letterature e Culture europee dell’Università degli Studi di Palermo), 1, pp. 240-244. (ISSN 19749465)

Traduzioni

  • Hilde Domin (2016), Il coltello che ricorda. Poesie. A cura di Paola Del Zoppo. [Traduzioni mie: Versöhnung/Riconciliazione (pp. 198-199); Nichts geschieht/Non succede nulla (pp. 200-201); Dein roter Baum/Il tuo albero rosso (pp. 248-249); Die Flügel der Lerchen/Le ali delle allodole (pp. 286-287); Talfahrt/Discesa a valle (pp. 290-291); Ich armer Hasenkopf/Io povera testa di lepre (pp. 338-341); Dem geliebten zum 27. August 1953/All’amato, il 27 agosto 1953 (pp. 342-343). Del Vecchio Editore, Roma. (ISBN 9788861101258)
  • Dieter Heimböckel (2016), La prima guerra mondiale come attestato di idoneità. Sull’arte dell’economia bellica e sull’affare della poesia. In: In: “L’eccezionalità del presente”. Scrivere la Grande Guerra. A cura di Flora De Giovanni e Lucia Perrone Capano. Mimesis: Milano 2016, pp. 33-52 (ISBN 9788857536330).
  • Hans Sahl (2014), Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo. Poesie. Cura e traduzione di N. Centorbi. Del Vecchio Editore. Roma. 510 pp. (ISBN 9788861100923) [Recensioni su: “La Sicilia” del 27. 1. 2014; (Sergio Sciacca); “Il Corriere della Sera” del 27. 1. 2014 (Ottavio Rossani)]
  • Martin Walser (2013), Un uomo che ama. Versione drammatica dall’omonimo romanzo. [Traduzione finalizzata alla rappresentazione teatrale a cura del regista Elio Gimbo, Catania, Castello Ursino, 12-13-14 luglio 2013]
  • Gert Mattenklott (2010), Sulla differenza tra testimonianza e documento. A proposito del carteggio di H. Arendt, W. Benjamin, K. Wolfskehl. In: La scrittura epistolare in Europa dal Medioevo ai nostri giorni. Generi, modelli, trasformazioni. A cura di M. Cottone, E. Chiavetta, Bonanno, Acireale, pp. 31-39. (ISBN 978-88-7796-610-0)

Attività di studio e di ricerca incentrati sulla letteratura tedesca della Repubblica di Weimar e dell’esilio, come anche del Settecento, del Romanticismo e dell’età contemporanea. Ha scritto saggi su Kleist, Brentano, Günderrode, Benn, Klaus Mann, Annemarie Schwarzenbach, Hilde Domin, Martin Walser, Hans Sahl. È stata membro del gruppo di ricerca dell’Università di Catania nei due progetti PRIN (2006 e 2009) sull’esperienza dell’esilio nella Letteratura tedesca del Novecento.

Membro dell’Associazione Italiana di Germanistica

17/12/2018
Annullamento lezione e ricevimento
La lezione di Letteratura tedesca e il ricevimento di giovedì 20 dicembre sono annullati e riprenderanno regolarmente  giovedì 10 gennaio.
03/12/2018
Annullamento lezione e recupero
La lezione di Letteratura tedesca (Cds Magistrale) prevista per giovedì 6 dicembre è annullata. La lezione di venerdì 7 dicembre (8:30-10:30) si terrà regolarmente. Sempre venerdì 7.12 è prevista una lezione di recupero aggiuntiva dalle ore 12:30 alle ore 14:30.
 

28/11/2018
Lezione di recupero
La prof.ssa Centorbi terrà una lezione di recupero di Letteratura tedesca  venerdì 30 novembre (12.30-14.30) presso l'aula 6 dell'ex Distretto militare
19/11/2018
Posticipo esame orale
L'appello di esami orali della prof.ssa Centorbi (art. 16 comma 5 Bis) dell'11 dicembre è posticipato al 13 dicembre alle ore 10.30.
19/11/2018
Annullamento lezione e recupero
Si avvisano gli studenti che la lezione di giovedì 22 novembre è annullata. La lezione di venerdì 23 novembre (8:30-10:30) si svolgerà regolarmente. Sempre venerdì 23 novembre è prevista una lezione di recupero dalle ore 12:30 alle ore 14:30 (Aula 6, ex distretto militare).
09/11/2018
Variazione calendario lezioni e ricevimento
A partire dal 15 novembre, le lezioni di Letteratura tedesca, previste il giovedì e il venerdì (10.30-12.30), saranno anticipate alle 8.30-10.30 degli stessi giorni e si terranno sempre nell'aula 6 dell'ex Distretto militare; il ricevimento  viene, conseguentemente, posticipato alle 10.30-11.30 (studio docenti ex Distretto militare).
24/10/2018
Annullamento lezioni e comunicazione Convegno
Si invitano gli studenti del corso di LETTERATURA TEDESCA a partecipare, nei giorni e negli orari previsti dal corso, al convegno "1918. Crolli, rivoluzioni e trasformazioni". Le lezioni di giovedì 25 e venerdì 26 ottobre saranno sostituite dalla partecipazione al convegno che varrà come parte integrante del programma.
19/10/2018
Annullamento lezione e ricevimento di Letteratura tedesca
La lezione e il ricevimento della prof.ssa Centorbi, previsti per oggi 19 ottobre, non avranno luogo.